Pubblicato: venerdì 17 dicembre 2021
Pagella Cup 2021: vota la dichiarazione peggiore dell’anno

Aggiornamento 31 dicembre, ore 10:30 – Matteo Salvini è il vincitore dell’edizione 2021 della Pagella Cup. Qui tutti i risultati.

***

Con la fine dell’anno torna la Pagella Cup, la competizione in cui potete votare qual è stata, secondo voi, la dichiarazione peggiore fatta da un politico italiano in questo 2021.

I politici in gara sono nove e rappresentano tutto l’arco parlamentare, da destra a sinistra, con l’ingresso del nuovo presidente del Consiglio Mario Draghi. A ottobre Draghi ha infatti gonfiato in Parlamento i benefici del green pass obbligatorio sul lavoro, citando dei dati errati e facendo un po’ di confusione con quelli sull’efficacia vaccinale.

La presidente di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni, vincitrice della Pagella Cup 2020, è in gara con una dichiarazione sulla revisione del catasto, uno dei temi tornati di grande attualità con la riforma fiscale annunciata dal governo. Secondo Meloni, la revisione del catasto è stata promessa nel “Piano nazionale di ripresa resilienza” (Pnrr) per ricevere i soldi dall’Unione europea. Ma questo è falso. Così come non è vero che chiunque abbia il porto d’armi possa circolare liberamente con la «pistola in tasca», a differenza di quanto detto dal segretario della Lega Matteo Salvini, per difendere l’assessore di Voghera Massimo Adriatici, accusato a luglio di aver ucciso un uomo per strada a colpi di pistola.

Il segretario del Partito democratico Enrico Letta si è invece meritato un “Pinocchio andante” ad agosto: non è vero che il suo partito è il «più piccolo» tra i cinque principali partiti in Parlamento, ma è il terzo più numeroso. Ad ottobre il vicepresidente di Forza Italia Antonio Tajani ha invece esagerato i risultati del suo partito alle elezioni comunali. Secondo Tajani, il numero di voti dimostrava che Forza Italia godeva di «ottima salute», quando in realtà in quasi tutte le città il partito è andato decisamente peggio rispetto a cinque prima.

L’ex presidente del Consiglio Giuseppe Conte, oggi leader del Movimento 5 stelle, si è invece meritato una “Panzana pazzesca” ad agosto, sostenendo che a Milano vivono in povertà 200 mila bambini. Anche se Conte avesse voluto fare riferimento soltanto 20 mila bambini (con uno zero in meno), il dato sarebbe comunque da prendere con molta cautela.

A novembre il leader di Italia viva Matteo Renzi ha ripetuto per l’ennesima volta che il suo Jobs act ha creato un milione e 300 mila posti di lavoro, affermazione smentita dai numeri. Ad aprile il leader di Azione Carlo Calenda ha invece sostenuto di aver sconfitto Salvini «in molti capoluoghi» alle elezioni europee del 2019. In realtà in quell’occasione Salvini aveva preso più voti in 17 capoluoghi del Nord-est, mentre Calenda in sei, tutte città comunque già governate dal centrosinistra (eccetto Rovigo). Curiosità: lo stesso Calenda, ricondividendo il nostro fact-checking, aveva sportivamente riconosciuto l’errore.

Infine concludiamo i nomi in gara con una “Panzana pazzesca” del segretario di Sinistra italiana Nicola Fratoianni. A maggio non era per nulla vero che in India i bassi tassi di vaccinazione contro la Covid-19 fossero dovuti al fatto che il Paese producesse più vaccini di tutti, ma li inviasse alle nazioni più ricche.

Qui sotto trovate le nove dichiarazioni in gara, per votare basta un click. Il vincitore sarà annunciato il 31 dicembre.

Logo
Logo