Che cosa c’è di vero, e cosa no, nelle posizioni dei favorevoli e contrari alla riforma della legge sulla cittadinanza