Il fact-checking di Meloni sul taglio delle accise

Abbiamo verificato sei dichiarazioni della presidente del Consiglio: in alcuni casi ha ragione, in altri è stata imprecisa
Pagella Politica
L’11 gennaio la presidente del Consiglio Giorgia Meloni ha pubblicato sui social un nuovo episodio della sua rubrica “Gli appunti di Giorgia”, difendendo la scelta del suo governo di non rinnovare dal 1° gennaio 2023 il taglio delle accise sui carburanti, ossia le imposte fisse che gravano su benzina e gasolio.

Abbiamo verificato sei dichiarazioni fatte da Meloni nel video: in alcuni casi la presidente del Consiglio ha ragione, in altri è stata imprecisa.

Che cosa dice il programma elettorale di Fratelli d’Italia

«Io non ho promesso in questa campagna elettorale che avrei tagliato le accise sulla benzina» (min. 1:48)

Qui Meloni non la racconta giusta. In vista delle elezioni politiche del 25 settembre 2022, il programma elettorale di Fratelli d’Italia conteneva la seguente proposta nel capitolo dedicato all’energia: «Sterilizzazione delle entrate dello Stato da imposte su energia e carburanti e automatica riduzione di Iva e accise».

No, le accise non sono aumentate

«Il governo non ha aumentato le accise» (min. 2:47)

È vero: il governo Meloni non ha aumentato il valore delle accise su benzina e gasolio. Al momento, l’accisa sulla benzina è pari a 73 centesimi di euro al litro, quella sul gasolio a 62 centesimi di euro. Questi valori sono gli stessi che erano in vigore prima che il 22 marzo 2022 il governo Draghi introducesse temporaneamente un taglio di 25 centesimi di euro.

Che cosa ha fatto il governo Meloni

«Il governo non ha neanche fatto marcia indietro sul provvedimento dello scorso governo che nel tentativo di calmierare il prezzo della benzina tagliava temporaneamente le accise. Noi abbiamo confermato la scelta del precedente governo» (min. 2:50)

Qui la presidente del Consiglio è imprecisa: in realtà una marcia indietro da parte del suo governo c’è stata. Il taglio introdotto dal governo Draghi è stato prorogato varie volte dal precedente esecutivo e lo stesso governo Meloni, il 10 novembre, aveva in un primo momento confermato lo sconto di 25 centesimi di euro fino al 31 dicembre 2022. Poi, nella notte tra il 21 e il 22 novembre, il governo Meloni ha approvato un nuovo decreto con cui ha ridotto il taglio delle accise per tutto il mese di dicembre 2022, riducendolo da 25 centesimi a 15 centesimi. 

Quanto costa il taglio delle accise

«Il taglio delle accise costa mediamente un miliardo al mese, costa 10 miliardi all’anno» (min. 3:40)

La stima di Meloni è tutto sommato corretta. Secondo i nostri calcoli, tra fine marzo e fine dicembre 2022, il totale degli oneri per lo Stato derivante dal taglio delle accise ammonta a circa 7,3 miliardi di euro, quasi 730 milioni al mese, per un totale di circa 9 miliardi di euro all’anno.

Chi beneficia di più del taglio

«Tagliare le accise sulla benzina è una misura che aiuta tutti, indipendentemente dalla condizione economica che hanno» (min. 5:40)

Meloni ha ragione. Se da un lato, in un contesto economico come quello attuale, i benefici di un taglio delle imposte sui carburanti sembrano evidenti (si evitano costi aggiuntivi per chi usa quotidianamente mezzi di trasporto privato, per esempio per motivi di lavoro), dall’altro lato diversi osservatori hanno segnalato come questa strategia non sia esente da rischi. 

Tra le altre cose, tutti i cittadini beneficiano del taglio delle accise, senza distinzioni di reddito. Lo scorso ottobre, l’Ufficio parlamentare di bilancio (Upb) ha per esempio calcolato che il 10 per cento della popolazione italiana più ricca ha avuto benefici 6,5 volte più alti rispetto al 10 per cento più povero, grazie al taglio delle accise. Questo è dovuto al fatto che le risorse destinate a ridurre il costo dei beni energetici confluiscono di più verso i più ricchi perché «naturalmente consumano le maggiori quantità assolute di questi beni».

Quanto costa la benzina in Italia

«Il prezzo medio nella scorsa settimana della benzina in Italia era di 1,812 euro» (min. 8:33)

È vero: questo dato fa riferimento alla settimana tra il 1° gennaio e l’8 gennaio 2023 e si può verificare, come correttamente segnalato da Meloni, sul sito ufficiale del nuovo Ministero delle Imprese e del Made in Italy.
Grafico 1. Andamento del prezzo medio settimanale fino alla rilevazione del 9 gennaio 2023 – Fonte: Ministero delle Imprese e del Made in Italy
Grafico 1. Andamento del prezzo medio settimanale fino alla rilevazione del 9 gennaio 2023 – Fonte: Ministero delle Imprese e del Made in Italy

AIUTACI A CRESCERE NEL 2023

Siamo una testata indipendente da partiti e grandi gruppi economici o editoriali. L’informazione politica che abbiamo in mente si basa su dati, fatti, numeri. E sul fact-checking rigoroso delle dichiarazioni dei politici. Se anche tu credi che si possa fare, puoi sostenere il nostro lavoro con soli 4 euro al mese.
Scopri che cosa ottieni
Newsletter

il franco tiratore

Dal lunedì al venerdì alle 18
La newsletter quotidiana curata dal direttore Giovanni Zagni. Uno sguardo critico e affilato per concludere la giornata, un punto sui personaggi e gli eventi della politica italiana.

Ultimi articoli