Matteo Salvini

Salvini, il Front National e i giornalisti

"#Francia, Front di Marine #LePen passa da 1 a 62 consiglieri eletti in Dipartimenti. Ma giornalisti servi italiani non lo dicono...".

Pubblicato: 12 apr 2015
Data origine: 31 mar 2015
Macroarea esteri

All'indomani della pubblicazione dei risultati delle elezioni dipartimentali francesi del 22 e 29 marzo, il leader della Lega commenta su Twitter la performance del Front National (FN). Secondo quanto riportato da Salvini, il partito di Marine LePen sarebbe passato da 1 a 62 consiglieri generali nei 98 dipartimenti interessati; inoltre tale risultato sarebbe stato censurato dalla stampa italiana. Sarà vero?

I risultati del Front National

L'elezione dei consiglieri dipartimentali in Francia è stata recentemente soggetta ai cambiamenti previsti dalla legge n° 2013-403 del 17 maggio 2013, che prevede la riduzione da 4.035 a 2.054 distretti e l'elezione di coppie di candidati per distretto (un uomo ed una donna) al posto di singoli individui. La natura territoriale delle elezioni spiega la discrepanza tra il numero di voti ricevuti da FN su scala nazionale (più del 25% alla prima e più del 22% alla seconda tornata elettorale) e il numero di seggi ottenuti che, come giustamente riporta Salvini, è 62 su 4.108.

Se dunque il dato citato da Salvini rispetto alle recenti elezioni sembra essere corretto, lo stesso non si può dire di quello iniziale: consultando il sito ufficiale dei rispettivi dipartimenti, si può verificare che i consiglieri generali frontisti sono stati fino ad ora due. Il primo eletto in ordine di tempo è PatrickBassot, consigliere del cantone di Carpentras-Nord (dipartimento di Vaucluse) dalle elezioni del 2011 e militante tra le fila del Front National. Il secondo è Laurent Lopez, consigliere generale di Brignoles (Var) che subentrò nel 2013 in seguito all'annullamento dell'elezione di due candidati (di cui uno appartenente al Front National) nel 2011 e nel 2012.

Probabilmente, l'errore di Salvini è riconducibile ad un'affermazione della stessa Marine LePen, che all'uscita dei risultati della seconda tornata elettorale ha dichiarato che il Front National era partito "con diversi handicap", tra cui l'avere "un solo candidato eletto uscente" (min. 00:45).

I giornalisti "servi"?

La stampa italiana, rea secondo Salvini di aver taciuto la notizia dell'avanzata di FN, ha invece riportato il risultato con diverse interpretazioni. Più di due ore prima che il leghista pubblicasse il tweet, Il Giornale ha riportato gli stessi dati, errore incluso. Analogamente, il giorno prima, Linkiesta cita l'elezione di 62 candidati sotto la bandiera FN evitando l'imprecisione, mentre a pochissime ore dalla fine delle elezioni Il Corriere riporta che il numero di eletti sarà addirittura centuplicato. Lo stesso dato viene citato da Il Messaggero il giorno seguente (comunque più di 24 ore prima del tweet di Salvini). Più duro invece il giudizio di RaiNews, che parla di un successo "limitato".

Il verdetto

In conclusione, Salvini cita correttamente il numero di candidati FN eletti a consiglieri generali nelle scorse elezioni, ma sbaglia nel citarne il numero di partenza. Anche l'accusa nei confronti della stampa italiana di non aver divulgato la notizia risulta infondata: "Nì".

Logo
Logo
Logo
Logo