Pubblicato: giovedì 25 novembre 2021
​Le novità sul green pass, in cinque punti

Il 24 novembre il Consiglio dei ministri ha approvato un nuovo decreto-legge per rafforzare temporaneamente lo strumento del green pass e le misure restrittive nei confronti dei cittadini non vaccinati contro la Covid-19.

Il testo ufficiale del provvedimento non è ancora disponibile, ma è stato descritto dal governo e divulgato da fonti stampa. Vediamo quali sono le cinque novità più significative del decreto, che entrerà in vigore il giorno successivo alla sua pubblicazione in Gazzetta ufficiale e che dovrà essere convertito in legge dal Parlamento entro 60 giorni.

L’obbligo vaccinale è esteso ad altre categorie

Il primo punto su cui interviene il decreto è l’obbligo vaccinale contro la Covid-19, già in vigore per alcune categorie, come il personale sanitario. Da un lato, a partire dal 15 dicembre l’obbligo comprenderà anche la somministrazione della terza dose. Questa si è resa necessaria per contrastare il calo dell’efficacia dei vaccini nel tempo e può essere ricevuta dopo 5 mesi dalla seconda dose.

Dall’altro lato, l’obbligo verrà esteso ad alcune altre categorie, prima escluse. Dal 15 ottobre dovranno infatti vaccinarsi non solo medici e operatori sanitari, ma anche il personale amministrativo della sanità, il personale scolastico del sistema nazionale di istruzione e il personale del comparto della difesa e della sicurezza, ossia i militari e le forze dell’ordine.

– Leggi anche: Davvero senza obbligo vaccinale lo Stato non risarcisce i danni dei vaccini?

Cambia la durata del green pass

In secondo luogo il decreto del governo cambierà la durata del green pass, che, ricordiamo, si ottiene con la vaccinazione contro la Covid-19, con la guarigione dalla malattia (entro 6 mesi) o con un risultato negativo a un test molecolare (entro 72 ore) e antigenico (entro 48 ore).

Il certificato non varrà più 12 mesi, ma nove mesi, a partire dalla somministrazione della seconda dose di vaccino o della terza dose, nei cittadini che hanno ricevuto l’ulteriore richiamo.

Anche in questo caso la decisione è stata dettata dalle nuove prove scientifiche, secondo cui con il tempo la protezione data dal vaccino, soprattutto nelle fasce di età più a rischio, cala.

– Leggi anche: L’efficacia dei vaccini cala dopo sei mesi, ma non sparisce

Il green pass è esteso ad altre attività

In base al nuovo decreto, il green pass servirà per usufruire di alcuni servizi, oggi esclusi dall’obbligo. Innanzitutto il certificato sarà necessario per recarsi negli alberghi e nelle strutture ricettive. Anche sui mezzi di trasporto pubblico regionale e su quello locale (per mezzi come bus, treni e tram) sarà richiesto il certificato di vaccinazione, guarigione o negatività al test.

Discorso analogo vale per la possibilità di usufruire di docce e spogliatoi quando si fa attività sportiva all’aperto (per le attività al chiuso l’obbligo del green pass è già in vigore).

Il green pass viene rafforzato per il periodo natalizio

Dal 6 dicembre al 15 gennaio l’attuale strumento del green pass subirà poi alcune importanti modifiche, con maggiori restrizioni per chi ancora non si è deciso a vaccinarsi. Le nuove regole varranno anche nelle regioni in zona bianca, la fascia di colore con maggiori libertà.

Il decreto approvato dal governo stabilisce infatti che per sei settimane si potrà accedere a una serie di servizi solo se si è stati vaccinati contro la Covid-19 o se si è guariti dalla malattia. In concreto, un test negativo non basterà più per andare al ristorante al chiuso o in discoteca, assistere a spettacoli o eventi sportivi, partecipare a feste o cerimonie pubbliche. Il risultato di un test negativo permetterà invece di recarsi al lavoro, come avviene già oggi.

L’attuale sistema a colori delle regioni rimarrà in vigore, ma chi è in possesso del cosiddetto “green pass rafforzato” non dovrà rispettare le restrizioni nelle attività sopra citate, che scattano qualora la propria regione passi in zona gialla o arancione. Si applicano invece a tutta la popolazione le restrizioni legate ad un eventuale ingresso in zona rossa.

Ricordiamo che in zona gialla, come successo alla Sicilia a settembre scorso, ritorna l’obbligo di indossare la mascherina all’aperto (per tutti, vaccinati e non), non presente al momento nelle regioni in zona bianca. Negli ultimi giorni alcune città – come Milano e Bologna – hanno comunque un introdotto dell’obbligo di mascherina all’aperto nelle zone centrali.

Ricapitolando: per chi si è vaccinato o è guarito dalla Covid-19 da sei mesi, le regole rimangono quelle attuali; per chi non si è vaccinato, dal 6 dicembre al 15 gennaio viene limitata la libertà di partecipare a una serie di attività, ma viene salvaguardata la possibilità di andare a lavoro o prendere i mezzi di trasporto pubblico.

Più controlli e più informazione

Infine il decreto rafforza le disposizioni sui controlli delle forze dell’ordine per il rispetto delle regole sul green pass e le campagne pubblicitarie per incentivare le vaccinazioni.

Da un lato, il provvedimento stabilisce che i prefetti, sentito il parere del Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica (un organo consultivo dove siedono il sindaco del capoluogo di provincia, il questore, i comandanti provinciali dei carabinieri e della guardia di finanza, e altri soggetti esterni), devono adottare un piano per effettuare costanti controlli a campione sulla popolazione. Ogni settimana andrà poi trasmesso al Ministero dell’Interno una relazione con i dati sui controlli eseguiti.

Dall’altro lato, il decreto incarica il Dipartimento per l’informazione e l’editoria della Presidenza del Consiglio dei ministri a elaborare un piano per «garantire i più ampi spazi sui mezzi di comunicazione di massa per campagne di informazione, formazione e sensibilizzazione sulla vaccinazione».

– Leggi anche: Come funzionano le nuove restrizioni per le manifestazioni, non solo “no green pass”

Logo
Logo