Le cose da sapere oggi sulla politica italiana

Le correzioni al decreto sul mercato dei carburanti e le altre notizie principali di venerdì 13 gennaio 2023
ANSA
ANSA
Nella serata di ieri il Consiglio dei ministri ha approvato alcune modifiche al decreto-legge sulla trasparenza del mercato dei carburanti, deliberato il 10 gennaio. Il governo ha deciso che in caso di aumento del prezzo del petrolio, e di conseguenza di benzina e gasolio, i maggiori incassi attraverso l’Iva saranno utilizzati per abbassare le accise (Il Post). 
La procura di Milano ha chiesto l’archiviazione dell’inchiesta che vedeva coinvolto il parlamentare europeo di Fratelli d’Italia Carlo Fidanza. A ottobre 2021 Fidanza era stato tra i protagonisti di un’inchiesta-video, pubblicato da Fanpage, in cui si mostravano apologie di fascismo e nazismo tra sostenitori del partito e si ipotizzava l’esistenza di un sistema di finanziamento in nero (Corriere della Sera). 
A Palermo il presidente del Movimento 5 stelle Giuseppe Conte è stato ascoltato come testimone nel processo “Open Arms” che vede coinvolto il leader della Lega Matteo Salvini per sequestro di persona. «Ricordo di avere scritto due volte al ministro Salvini. La prima volta dissi che non si potevano respingere i minori, la seconda invece che c’erano sei Paesi europei che avevano confermato la disponibilità alla redistribuzione dei migranti dell’Open Arms», ha detto Conte ai giudici, facendo riferimento ai fatti dell’agosto del 2019. «Non ero d’accordo con lui e il clima era incandescente» (Rai News).
In un’intervista con Il Foglio il vicepresidente della Camera Giorgio Mulè, di Forza Italia, ha criticato la comunicazione del governo e della presidente del Consiglio Giorgia Meloni. «Non chiedo di fare lo sciopero della parola, ma c’è una logorrea di governo. C’è una sorta di ansia da prestazione», ha dichiarato Mulè, commentando il dibattito che riguarda le accise sui carburanti. «Da questo episodio l’esecutivo può trarre un insegnamento: meno logorrea che porta alla tachilalia, al nervosismo. Dobbiamo solamente attuare il programma. La campagna elettorale è finita».

AIUTACI A CRESCERE NEL 2023

Siamo una testata indipendente da partiti e grandi gruppi economici o editoriali. L’informazione politica che abbiamo in mente si basa su dati, fatti, numeri. E sul fact-checking rigoroso delle dichiarazioni dei politici. Se anche tu credi che si possa fare, puoi sostenere il nostro lavoro con soli 4 euro al mese.
Scopri che cosa ottieni
Newsletter

il franco tiratore

Dal lunedì al venerdì alle 18
La newsletter quotidiana curata dal direttore Giovanni Zagni. Uno sguardo critico e affilato per concludere la giornata, un punto sui personaggi e gli eventi della politica italiana.

Ultimi articoli