indietro

I posti di lavoro disponibili sono meno di quelli che dice Meloni

| 04 luglio 2023
La dichiarazione
«Ci sono 2 milioni di posti di lavoro che il mercato non è attualmente in grado di soddisfare per carenza di profili adeguati»
Fonte: YouTube | 3 luglio 2023
ANSA
ANSA
Verdetto sintetico
Il numero indicato dalla presidente del Consiglio è esagerato.
In breve
  • Secondo Istat, nel primo trimestre di quest’anno il tasso di posti vacanti era pari al 2,1 per cento, percentuale che corrisponde a circa 500 mila posizioni di lavoro effettivamente aperte (non necessariamente per la carenza di profili adeguati). TWEET
  • A giugno il Sistema informativo Excelsior ha raccolto l’intenzione delle imprese di voler assumere 568 mila persone. Di queste il 46 per cento era di “difficile reperimento”, categoria che non comprende solo la carenza di profili adeguati. TWEET
  • Secondo Excelsior, nel 2022 il totale delle assunzioni annunciate di “difficile reperimento” è stato pari a oltre 2 milioni. Ma questo non vuol dire che a oggi ci sia questo numero di posti di lavoro effettivamente disponibile. TWEET
Il 3 luglio, partecipando all’Assemblea generale di Assolombarda, la presidente del Consiglio Giorgia Meloni ha parlato del «forte disequilibrio tra domande e offerta di lavoro» in Italia. Secondo Meloni in Italia ci sono «2 milioni di posti di lavoro» che a causa dell’assenza di profili adeguati il mercato non è in grado di soddisfare.

È davvero così? Abbiamo verificato che cosa dicono i numeri e la presidente del Consiglio esagera.

Che cosa dice Istat

Nel suo discorso Meloni non ha citato da dove viene il dato dei «2 milioni» di posti di lavoro disponibili. Vediamo quindi che cosa dicono i dati più aggiornati di Istat. Secondo l’Istituto nazionale di statistica, nei primi tre mesi del 2023 il tasso di posti vacanti in Italia era pari al 2,1 per cento. Questo indicatore è definito come il rapporto percentuale tra i posti di lavoro vacanti e la somma tra i posti di lavoro e le posizioni lavorative occupate nell’ultimo giorno del trimestre analizzato, in questo caso il primo di quest’anno. «Questo indicatore, misurando la quota di posti di lavoro per i quali le imprese cercano lavoratori idonei, corrisponde alla parte di domanda di lavoro non soddisfatta», spiega Istat. «Esso presenta una diretta analogia con il tasso di disoccupazione, che misura la quota di forze di lavoro in cerca di un’occupazione e rappresenta, quindi, la parte di offerta non impiegata». Detta altrimenti, il tasso di posti vacanti registra le ricerche di personale formalmente iniziate dalle imprese con dipendenti, ma non ancora concluse.

Su circa 23,5 milioni di occupati a livello nazionale, stiamo dunque parlando di quasi 500 mila posti vacanti, un dato distante dai «2 milioni» indicati da Meloni. Comunque non tutti i posti di lavoro vacanti lo sono per carenza di profili adeguati. Ma su questo punto Istat non fornisce stime.

Che cosa dicono le imprese

Quando si parla di posti di lavoro disponibili, un’altra fonte spesso citata è il Sistema informativo Excelsior, curato dall’Agenzia nazionale politiche attive lavoro (Anpal) e dall’Unione italiana delle camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura (Unioncamere). Sulla base di interviste fatte a quasi 110 mila imprese con dipendenti, rappresentative del settore dell’industria e dei servizi, il bollettino del Sistema informativo Excelsior calcola periodicamente quali sono le intenzioni delle aziende per quanto riguarda le assunzioni di nuovi lavoratori. 

Secondo le rilevazioni più aggiornate, le assunzioni previste nel mese di giugno erano quasi 568 mila, numero che saliva a oltre un milione e 373 mila considerando il periodo tra giugno e agosto. Secondo le imprese intervistate, il 46 per cento delle assunzioni previste per il mese di giugno era di “difficile reperimento”. In questa espressione rientrano la mancanza di candidati, la preparazione inadeguata o altri motivi, ossia la casistica indicata da Meloni. Anche questi numeri sono più bassi dei «2 milioni» citati dalla presidente del Consiglio. 

Ribadiamo che i dati del Sistema informativo Excelsior fotografano solo le intenzioni delle imprese, non i posti di lavoro effettivamente disponibili: tra le altre cose non è detto che le imprese abbiano la disponibilità economica per assumere tutti i lavoratori per riempire le assunzioni indicate.

Occhio a leggere i dati

Con tutta probabilità i «2 milioni» di cui parla Meloni provengono da un rapporto del Sistema informativo Excelsior, intitolato “La domanda di professioni e di formazione delle imprese italiane nel 2022”. Nel testo si legge che in tutto l’anno scorso sono state stimate oltre 2 milioni di assunzioni di “difficile reperimento”, un dato in crescita rispetto alle circa 1,2 milioni del 2019. Questo dato però non significa che a oggi ci sono 2 milioni di posti di lavoro disponibili per la carenza di profili adeguati: da un lato questo numero fa riferimento a tutto il 2022 ed è dunque un dato complessivo relativo all’anno scorso; dall’altro lato tra le assunzioni di “difficile reperimento” ce ne sono anche per altri motivi, come spiegato in precedenza. 

Lo stesso rapporto sottolinea che le imprese italiane stanno adottando varie strategie per risolvere il problema delle assunzioni difficili (ma non impossibili) da fare. Per esempio assumono figure con caratteristiche simili per poi formarle al loro interno, ampliano la ricerca a livello territoriale e fanno leva sui salari. Quest’ultima strategia «nella fase più recente sta acquisendo un maggiore rilievo», spiega il rapporto.

Il verdetto

Giorgia Meloni dice che in Italia «ci sono 2 milioni di posti di lavoro che il mercato non è attualmente in grado di soddisfare per carenza di profili adeguati». Il dato indicato dalla presidente del Consiglio è esagerato.

Secondo Istat nel primo trimestre di quest’anno il tasso di posti vacanti era pari al 2,1 per cento, pari a circa 500 mila posti di lavoro vacanti (non necessariamente per la carenza di profili adeguati).

A giugno il Sistema informativo Excelsior ha raccolto l’intenzione delle imprese di voler assumere 568 mila persone. Di queste il 46 per cento era di “difficile reperimento”, categoria che non comprende solo la carenza di profili adeguati. Secondo Excelsior, nel 2022 il totale delle asssunzioni annunciate di “difficile reperimento” è stato pari a oltre 2 milioni. Ma questo non vuol dire che a oggi ci sia questo numero di posti di lavoro effettivamente disponibile.

AIUTACI A CRESCERE NEL 2024

Siamo indipendenti: non riceviamo denaro da partiti né fondi pubblici dalle autorità italiane. Per questo il contributo di chi ci sostiene è importante. Sostieni il nostro lavoro: riceverai ogni giorno una newsletter con le notizie più importanti sulla politica italiana e avrai accesso a contenuti esclusivi, come le nostre guide sui temi del momento. Il primo mese di prova è gratuito.
Scopri che cosa ottieni
Newsletter

I Soldi dell’Europa

Il lunedì, ogni due settimane
Il lunedì, le cose da sapere sugli oltre 190 miliardi di euro che l’Unione europea darà all’Italia entro il 2026.

Ultimi fact-checking

  • «Anche a livello europeo, il nostro Paese ha un solo indicatore sopra la media Ue per gli infortuni, quello relativo ai morti. Ma questo perché l’Italia ha inserito il Covid tra le cause di infortunio sul lavoro, a differenza della stragrande maggioranza degli altri Paesi. Infatti, prima della pandemia eravamo al di sotto della media europea»

    13 aprile 2024
    Fonte: La Stampa
  • «Siamo la forza politica italiana più green! Per la Ong francese Bloom la delegazione italiana del M5S all’Europarlamento risulta “ecologicamente esemplare”, classificandosi al primo posto tra le delegazioni italiane che hanno maggiormente sostenuto le politiche ecologiche e il Green Deal»

    15 aprile 2024
    Fonte:
  • «Sapete quanto si stima – sono stime, si prendono con le pinze – che possa valere l’elusione fiscale in Europa ogni anno? Alcuni studi, cito il professore Richard Murphy, parlano di 700-800 miliardi di euro all’anno»

    15 aprile 2024
    Fonte: YouTube