indietro

Vero: l’Italia è il primo produttore di vino al mondo

| 26 gennaio 2023
La dichiarazione
«L’Italia è il primo produttore di vino al mondo»
Fonte: Libero | 26 gennaio 2023
ANSA
ANSA
Verdetto sintetico
Il primato rivendicato dal presidente della Regione Veneto è corretto.
In breve
  • In base alle stime preliminari, nel 2022 l’Italia ha prodotto 50,3 milioni di ettolitri di vino, davanti a Francia e Spagna. TWEET
Il 26 gennaio, in un’intervista con Libero, il presidente della Regione Veneto Luca Zaia (Lega) ha criticato la decisione dell’Irlanda, avallata dall’Unione europea, di inserire sui prodotti alcolici messaggi sui pericoli del consumo di alcol per la salute. 

Secondo Zaia, che comunque non mette in dubbio il fatto che l’abuso di vino e di alcol faccia male, etichette di questo tipo danneggerebbero i produttori di vino italiani. «L’Italia è il primo produttore di vino al mondo», ha detto il presidente della Regione Veneto in difesa della sua posizione.

Al di là del giudizio politico sulla vicenda (come ha spiegato Domani al momento non sono in programma norme simili a livello europeo), abbiamo verificato e il primato rivendicato da Zaia è corretto.

La classifica mondiale dei produttori di vino

I dati più aggiornati e affidabili sulla produzione di vino nel mondo sono raccolti dall’Organizzazione internazionale della vigna e del vino (Oiv). Secondo un rapporto pubblicato da Oiv alla fine dello scorso ottobre, nel 2022 la produzione mondiale di vino è stimata tra i 257,5 e i 262,3 milioni di ettolitri, con un calo dell’1 per cento rispetto al 2021. Queste cifre non sono ancora definitive, ma sono comunque in linea con i dati registrati nei quattro anni precedenti.

A livello mondiale il primo produttore di vino è l’Italia con un volume stimato nel 2022 di 50,3 milioni di ettolitri. Al secondo posto c’è la Francia con 44,2 milioni di ettolitri. Nel complesso questi due Paesi «rappresentano il 36 per cento della produzione vinicola mondiale e il 60 per cento a livello Ue», spiega l’Oiv. La Spagna si classifica terza con 33 milioni di ettolitri di vino prodotti, seguita dagli Stati Uniti (23,1 milioni) e dal Cile (12,4 milioni). Dal 2017 in poi l’Italia è sempre stata in testa alla classifica.
Nonostante ne sia il primo produttore al mondo, l’Italia non è il principale esportatore di vino: nel 2021 in cima alla classifica c’era la Spagna con 23 milioni di ettolitri esportati, seguita a breve distanza dall’Italia (22 milioni) e dalla Francia (15 milioni). Dal 2012 in poi Italia e Spagna si sono alternate varie volte al primo posto nella classifica dei Paesi con l’export più alto di vino.

Il verdetto

Secondo Luca Zaia «l’Italia è il primo produttore di vino al mondo». Abbiamo verificato e il presidente della Regione Veneto ha ragione.

In base alle stime preliminari a disposizione, nel 2022 l’Italia ha prodotto 50,3 milioni di ettolitri di vino, davanti a Francia e Spagna.

AIUTACI A CRESCERE NEL 2024

Siamo indipendenti: non riceviamo denaro da partiti né fondi pubblici dalle autorità italiane. Per questo il contributo di chi ci sostiene è importante. Sostieni il nostro lavoro: riceverai ogni giorno una newsletter con le notizie più importanti sulla politica italiana e avrai accesso a contenuti esclusivi, come le nostre guide sui temi del momento. Il primo mese di prova è gratuito.
Scopri che cosa ottieni
Newsletter

I Soldi dell’Europa

Il lunedì, ogni due settimane
Il lunedì, le cose da sapere sugli oltre 190 miliardi di euro che l’Unione europea darà all’Italia entro il 2026.

Ultimi fact-checking

  • «Il superamento del Jobs Act era un punto fondante del programma con cui mi sono presentata alle primarie per la segreteria, oltre un anno fa, in linea con scelte anche personali fatte in passato. Vorrei ricordare che io ero in piazza con la Cgil nel 2015 contro l’abolizione dell’articolo 18»

    7 maggio 2024
    Fonte: la Repubblica
  • «Nella riforma del codice della strada c’è il cosiddetto “ergastolo della patente” e poi c’è il codice penale [...]. Nei casi gravi di reiterazione tu la patente non la puoi più vedere»

    Fonte: Cinque minuti – Rai 1
  • «Gli studi della Società Stretto di Messina calcolano che dall’apertura del cantiere del ponte sullo Stretto saranno creati 120 mila posti di lavoro»

    24 aprile 2024
    Fonte: Cinque minuti – Rai 1