Le cose da sapere sulla politica italiana per giovedì 19 gennaio

La relazione di Nordio in Parlamento e le altre notizie principali di giovedì 19 gennaio 2023
ANSA/GIUSEPPE LAMI
ANSA/GIUSEPPE LAMI
La Camera dei deputati ha approvato la relazione che il ministro della Giustizia deve presentare ogni anno in Parlamento. Tra le altre cose, l’attuale ministro Carlo Nordio ha dichiarato che «se non interverremo sugli abusi delle intercettazioni cadremo in una democrazia dimezzata». Il via libera del Senato alla relazione è arrivato ieri (Ansa). 
Al Ministero del Lavoro si è tenuto un incontro sulla riforma delle pensioni tra il governo e i principali sindacati. «Il tavolo non è andato bene: non abbiamo avuto alcuna risposta se non una disponibilità generica ad avviare il confronto», ha dichiarato il segretario generale della Cgil Maurizio Landini (La Stampa).
Il governo ha deciso che Alessandro Rivera non sarà più il direttore generale del dipartimento del Tesoro. Il suo posto al Ministero dell’Economia e delle Finanze sarà preso dal macroeconomista Riccardo Barbieri. La nomina sarà confermata nel Consiglio dei ministri previsto oggi per le 18:30 (Domani). 
L’aula del Senato ha approvato all’unanimità la mozione che dispone la ricostituzione di due commissioni straordinarie. La prima, a firma di Liliana Segre, riguarda la Commissione straordinaria per il contrasto dei fenomeni di intolleranza, razzismo, antisemitismo e istigazione all’odio e alla violenza. La seconda, a firma di Elena Cattaneo, riguarda la Commissione straordinaria per la tutela e la promozione dei diritti umani (Ansa). 
In un’intervista con Il Fatto Quotidiano, il vicepresidente della Camera Fabio Rampelli (Fratelli d’Italia) ha criticato la fretta della Lega sull’autonomia differenziata. «L’architettura dello Stato va migliorata, ma non si può più sbagliare, pena il collasso», ha detto Rampelli. Ieri in serata c’è stato un incontro a Palazzo Chigi per ridurre le distanze sul tema tra i partiti al governo.

AIUTACI A CRESCERE NEL 2023

Siamo una testata indipendente da partiti e grandi gruppi economici o editoriali. L’informazione politica che abbiamo in mente si basa su dati, fatti, numeri. E sul fact-checking rigoroso delle dichiarazioni dei politici. Se anche tu credi che si possa fare, puoi sostenere il nostro lavoro con soli 4 euro al mese.
Scopri che cosa ottieni
Newsletter

il franco tiratore

Dal lunedì al venerdì alle 18
La newsletter quotidiana curata dal direttore Giovanni Zagni. Uno sguardo critico e affilato per concludere la giornata, un punto sui personaggi e gli eventi della politica italiana.

Ultimi articoli