indietro

La Russia ha «5 mila» testate nucleari? Salvini è quasi preciso

| 02 marzo 2022
La dichiarazione
«In Russia ci sono 5 mila testate nucleari»
Fonte: Oggi è un altro giorno – Rai 1 | 1 marzo 2022
Ansa
Ansa
Verdetto sintetico
Il numero corretto è quasi 6 mila, ma solo circa 4.500 sarebbero utilizzabili.
In breve
  • Stimare con precisione quante testate nucleari ha la Russia non è semplice. La fonte più affidabile è la Federation of american scientists. TWEET
  • L'arsenale nucleare russo conta quasi 6 mila testate: di queste, 1.500 sono in dismissione e quasi 1.600 sono schierate. TWEET


Il 1° marzo, ospite a Oggi è un altro giorno su Rai 1, il leader della Lega Matteo Salvini ha ribadito la necessità di dialogare con il presidente russo Vladimir Putin, sottolineando (min. 25:25) che in Russia ci sono «5 mila testate nucleari».

È davvero così? Abbiamo verificato che cosa dicono le stime più affidabili e il leader della Lega ha riportato un dato quasi corretto.

L’arsenale nucleare della Russia



Sapere con certezza quante armi nucleari ha la Russia non è semplice, visto che si tratta di un’informazione militare, ma a livello internazionale esistono comunque alcune stime fatte da ricercatori. Una delle più autorevoli e più aggiornate è quella realizzata dal centro studi statunitense Federation of american scientists (Fas), che dalla fine della seconda guerra mondiale si occupa, tra le altre cose, di scienza e sicurezza.

Lo scorso 25 febbraio è uscita la stima più recente, realizzata dai ricercatori Hans M. Kristensen e Matt Korda, su quante armi nucleari siano ad oggi in possesso della Russia. Secondo i calcoli della Fas, l’esercito russo ha a disposizione 5.977 testate nucleari, in calo rispetto all’anno scorso, suddivise in missili di vario tipo. Questo numero, di circa mille unità più alto della cifra indicata da Salvini in tv, ha bisogno però di un paio di osservazioni.

La prima: delle 6 mila armi nucleari in mano ai russi, circa 1.500 testate, sebbene integre, sono state ritirate e sono ormai in fase di smantellamento. Dunque non sono a disposizione per eventuali attacchi.

La seconda osservazione: delle rimanenti 4.477 testate, non tutte sono già schierate per un eventuale lancio. Secondo le stime dei ricercatori, ad oggi la Russia ha schierate 1.588 testate nucleari strategiche, ossia quelle che hanno uno scopo di deterrenza verso il nemico, minacciando per esempio una distruzione a lungo raggio e di ampia portata. Di queste, 812 testate sono su missili balistici lanciabili da terra, 576 su sottomarini e 200 su bombardieri, i grandi aerei militari che possono trasportare missili.

Altre 977 testate nucleari strategiche sono invece nei magazzini, insieme a 1.912 testate non strategiche (dette anche “tattiche”), ossia quelle con una gittata minore e obiettivi più limitati, per esempio al solo campo di battaglia.

Il verdetto

Secondo Matteo Salvini, «in Russia ci sono 5 mila testate nucleari». In base alle stime più autorevoli, la cifra indicata dal leader della Lega è quasi corretta.

La Russia avrebbe infatti a disposizione quasi 6 mila testate nucleari, ma quelle utilizzabili sarebbero circa 4.500. Di queste, quelle schierate, per esempio su basi terrestri o sugli aerei, sono poco meno di 1.600.

In conclusione, Salvini si merita un “C’eri quasi”.

AIUTACI A CRESCERE NEL 2024

Siamo indipendenti: non riceviamo denaro da partiti né fondi pubblici dalle autorità italiane. Per questo il contributo di chi ci sostiene è importante. Sostieni il nostro lavoro: riceverai ogni giorno una newsletter con le notizie più importanti sulla politica italiana e avrai accesso a contenuti esclusivi, come le nostre guide sui temi del momento. Il primo mese di prova è gratuito.
Scopri che cosa ottieni
Newsletter

I Soldi dell’Europa

Il lunedì, ogni due settimane
Il lunedì, le cose da sapere sugli oltre 190 miliardi di euro che l’Unione europea darà all’Italia entro il 2026.

Ultimi fact-checking

  • «Il superamento del Jobs Act era un punto fondante del programma con cui mi sono presentata alle primarie per la segreteria, oltre un anno fa, in linea con scelte anche personali fatte in passato. Vorrei ricordare che io ero in piazza con la Cgil nel 2015 contro l’abolizione dell’articolo 18»

    7 maggio 2024
    Fonte: la Repubblica
  • «Nella riforma del codice della strada c’è il cosiddetto “ergastolo della patente” e poi c’è il codice penale [...]. Nei casi gravi di reiterazione tu la patente non la puoi più vedere»

    Fonte: Cinque minuti – Rai 1
  • «Gli studi della Società Stretto di Messina calcolano che dall’apertura del cantiere del ponte sullo Stretto saranno creati 120 mila posti di lavoro»

    24 aprile 2024
    Fonte: Cinque minuti – Rai 1