indietro

Quanto gas e petrolio produce la Basilicata

| 21 marzo 2024
La dichiarazione
«La Basilicata produce il 70 per cento del petrolio italiano, il 14 per cento del gas»
Fonte: Facebook | 19 marzo 2024
Pagella Politica
Verdetto sintetico
Le percentuali corrette sono un po’ più alte.
In breve
  • Secondo il Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza energetica, nel 2023 in Basilicata è stato estratto il 36 per cento del gas italiano. Per l’olio greggio questa percentuale supera l’80 per cento. TWEET
Il 19 marzo, ospite a DiMartedì su La7, il segretario di Azione Carlo Calenda ha spiegato perché il suo partito appoggerà alle elezioni regionali del 21 e 22 aprile in Basilicata il presidente uscente Vito Bardi, sostenuto dai partiti che fanno parte del governo Meloni. 

Tra le altre cose, Calenda ha accusato (min. 0:18) il Movimento 5 Stelle di essere contrario all’estrazione di gas e petrolio in Basilicata, che secondo il leader di Azione sono invece una risorsa economica fondamentale per la regione. «La Basilicata produce il 70 per cento del petrolio italiano» e «il 14 per cento del gas», ha dichiarato Calenda.

Al di là del dibattito sulle prossime elezioni regionali in Basilicata, le due percentuali citate da Calenda sono corrette oppure no? Abbiamo verificato.

La produzione di gas in Basilicata

Secondo i dati più aggiornati del Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza energetica, nel 2023 in Basilicata sono stati estratti circa 1,1 miliardi di standard metri cubi di gas naturale. Lo standard metro cubo (Smc) è la quantità di gas contenuta in un metro cubo a condizioni standard di temperatura (15 °C) e di pressione (1.013,25 millibar, cioè la pressione atmosferica al livello del mare). Lo scorso anno in tutta Italia, considerando anche i pozzi in mare, sono stati estratti poco più di 3 miliardi di standard metri cubi di gas. Quindi la quantità di gas prodotta in Basilicata è stata pari al 36 per cento sul totale: questa percentuale è la più alta tra tutte le regioni, ed è più alta rispetto al «14 per cento» indicato da Calenda.
Come mostra il grafico, negli ultimi dieci anni la produzione di gas in Italia è costantemente calata, mentre quella in Basilicata ha avuto un andamento più ondivago. Nel 2023 la produzione nazionale di gas in Italia è stata meno della metà di quella del 2013; la produzione in Basilicata era inferiore solo del 12 per cento. Nel periodo considerato, il 2016 è stato l’anno con la produzione più bassa di gas in Basilicata, sia in valori assoluti che percentuali (circa il 16 per cento sul totale nazionale). 

Per avere un ordine di grandezza, nel 2023 in Italia sono stati consumati complessivamente 61,5 miliardi di standard metri cubi di gas naturale. La produzione della Basilicata, quindi, ha coperto meno del 2 per cento di tutti i consumi di gas.

Secondo il Ministero dell’Ambiente e dell’Economia, l’Italia ha “riserve certe” di gas naturale pari a oltre 37 miliardi di standard metri cubi. Le riserve certe sono quelle che con «ragionevole certezza», ossia con una probabilità maggiore del 90 per cento, possono essere «commercialmente prodotte nelle condizioni tecniche, contrattuali, economiche ed operative esistenti al momento considerato».

La produzione di petrolio in Basilicata

Nel 2023 in Basilicata sono state estratte 3,5 milioni di tonnellate di olio greggio, il liquido che viene poi lavorato nelle raffinerie di petrolio. Stiamo parlando di una cifra pari all’83 per cento della produzione nazionale di olio greggio (4,2 milioni di tonnellate). 
Come si vede dal grafico, tra il 2013 e il 2023 la produzione di olio greggio in Basilicata e in Italia ha avuto un andamento altalenante. Il 2017 è stato l’anno in cui la Basilicata ha prodotto il 71 per cento circa del petrolio italiano, una percentuale molto vicina a quella citata da Calenda in tv. Negli anni successivi questa percentuale è sempre stata vicina o superiore all’80 per cento.

Secondo le stime più recenti, in Italia ci sono quasi 79 milioni di tonnellate di “riserve certe” di olio greggio. Di queste, oltre il 93 per cento è sulla terra ferma e «per la maggior parte in Basilicata», sottolinea il Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza energetica.

Anche qui, per avere un ordine di grandezza, nel 2023 in Italia sono state consumate 57,3 milioni di tonnellate di prodotti petroliferi. A spanne, la produzione in Basilicata ne copre il 6 per cento.

Il verdetto

Secondo Carlo Calenda la Basilicata produce il 70 per cento del petrolio italiano e il 14 per cento del gas. Abbiamo controllato e le percentuali corrette sono un po’ più alte di quelle citate dal leader di Azione. 

Secondo il Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza energetica, nel 2023 in Basilicata è stato estratto il 36 per cento del gas italiano. Per l’olio greggio questa percentuale supera l’80 per cento.

AIUTACI A CRESCERE NEL 2024

Siamo indipendenti: non riceviamo denaro da partiti né fondi pubblici dalle autorità italiane. Per questo il contributo di chi ci sostiene è importante. Sostieni il nostro lavoro: riceverai ogni giorno una newsletter con le notizie più importanti sulla politica italiana e avrai accesso a contenuti esclusivi, come le nostre guide sui temi del momento. Il primo mese di prova è gratuito.
Scopri che cosa ottieni
Newsletter

I Soldi dell’Europa

Il lunedì, ogni due settimane
Il lunedì, le cose da sapere sugli oltre 190 miliardi di euro che l’Unione europea darà all’Italia entro il 2026.

Ultimi fact-checking

  • «Anche a livello europeo, il nostro Paese ha un solo indicatore sopra la media Ue per gli infortuni, quello relativo ai morti. Ma questo perché l’Italia ha inserito il Covid tra le cause di infortunio sul lavoro, a differenza della stragrande maggioranza degli altri Paesi. Infatti, prima della pandemia eravamo al di sotto della media europea»

    13 aprile 2024
    Fonte: La Stampa
  • «Siamo la forza politica italiana più green! Per la Ong francese Bloom la delegazione italiana del M5S all’Europarlamento risulta “ecologicamente esemplare”, classificandosi al primo posto tra le delegazioni italiane che hanno maggiormente sostenuto le politiche ecologiche e il Green Deal»

    15 aprile 2024
    Fonte:
  • «Sapete quanto si stima – sono stime, si prendono con le pinze – che possa valere l’elusione fiscale in Europa ogni anno? Alcuni studi, cito il professore Richard Murphy, parlano di 700-800 miliardi di euro all’anno»

    15 aprile 2024
    Fonte: YouTube