indietro

No, l’Africa non avrà 3 miliardi di abitanti nel 2030

| 16 novembre 2022
La dichiarazione
«L’Africa avrà 3 miliardi di abitanti nel 2030»
Fonte: Il Giornale | 16 novembre 2022
EPA/STR
EPA/STR
Verdetto sintetico
La stima del ministro degli Esteri è esagerata.
In breve
  • Secondo le proiezioni delle Nazioni Unite, nel 2030 la popolazione africana supererà gli 1,7 miliardi di abitanti. TWEET
  • I 3 miliardi di abitanti, secondo le proiezioni con la crescita demografica più veloce, saranno raggiunti tra il 2050 e il 2060. TWEET
Il 16 novembre, in un’intervista con Il Giornale, il ministro degli Esteri Antonio Tajani (Forza Italia) ha parlato della necessità di instaurare un rapporto di «forte collaborazione» con i Paesi africani per la gestione dell’immigrazione. Secondo Tajani, nel 2030, ossia tra meno di otto anni, l’Africa «avrà 3 miliardi di abitanti».

Abbiamo verificato e questa stima è esagerata.

La crescita della popolazione africana

Una delle fonti più autorevoli e più citate quando si parla della crescita del numero degli abitanti nel mondo sono le Nazioni Unite, e più precisamente il Dipartimento per gli affari economici e sociali del segretariato dell’Onu, che pubblica periodicamente il rapporto World Population Prospects

Quest’anno è uscita la ventisettesima edizione del rapporto, che si basa sui dati demografici di 237 Paesi o aree del mondo, raccolti dal 1950 al 2022, e su cui sono calcolate varie stime di crescita del numero degli abitanti del mondo fino al 2100.

Per quanto riguarda l’Africa, in nessuno scenario preso in considerazione dai ricercatori delle Nazioni Unite la sua popolazione arriverà a 3 miliardi di abitanti entro il 2030, come dichiarato invece da Tajani. Come mostra il Grafico 1, attualmente la popolazione africana è inferiore agli 1,5 miliardi di abitanti e supererà, molto probabilmente, gli 1,7 miliardi di abitanti nel 2030. 
Grafico 1. Proiezioni delle Nazioni Unite sulla crescita della popolazione africana
Grafico 1. Proiezioni delle Nazioni Unite sulla crescita della popolazione africana
Come tutte le stime rivolte al futuro, le proiezioni del rapporto delle Nazioni Unite hanno un margine di incertezza, ma come si vede dal grafico, in tutti gli scenari presi in considerazione la popolazione africana non raggiungerà neppure i 2 miliardi di abitanti entro il 2030.

Più ci si allontana nel futuro, più le stime divergono parecchio. Secondo la proiezione in cui la popolazione africana crescerà più velocemente, la soglia dei 3 miliardi di abitanti sarà superata tra il 2050 e il 2060. In base all’andamento attuale, questo traguardo sarà raggiunto dopo il 2060.

In ogni caso, è vero che alcune aree del continente africano, quelle sotto il deserto del Sahara, stanno registrando la crescita della popolazione tra le più alte di tutto il mondo. Il 15 novembre, secondo le stime delle Nazioni Unite, la popolazione mondiale ha superato per la prima volta nella storia gli 8 miliardi di abitanti. «I Paesi con i tassi di fertilità più alti tendono a essere quelli con i redditi pro capite più bassi», ha sottolineato l’Onu. «Nel tempo, la crescita della popolazione mondiale si è così concentrata soprattutto nei Paesi più poveri, molti dei quali si trovano nell’Africa sub-sahariana».

Il verdetto

Secondo Antonio Tajani, nel 2030 l’Africa «avrà 3 miliardi di abitanti». Abbiamo verificato e la stima del ministro degli Esteri è esagerata. 

Secondo le proiezioni delle Nazioni Unite, nel 2030 la popolazione africana supererà gli 1,7 miliardi di abitanti. I 3 miliardi di abitanti, secondo le proiezioni con la crescita demografica più veloce, saranno raggiunti tra il 2050 e il 2060.

AIUTACI A CRESCERE NEL 2023

Siamo una testata indipendente da partiti e grandi gruppi economici o editoriali. L’informazione politica che abbiamo in mente si basa su dati, fatti, numeri. E sul fact-checking rigoroso delle dichiarazioni dei politici. Se anche tu credi che si possa fare, puoi sostenere il nostro lavoro con soli 4 euro al mese.
Scopri che cosa ottieni
Newsletter

il franco tiratore

Dal lunedì al venerdì alle 18
La newsletter quotidiana curata dal direttore Giovanni Zagni. Uno sguardo critico e affilato per concludere la giornata, un punto sui personaggi e gli eventi della politica italiana.

Ultimi fact-checking