Salvini ha usato un sondaggio inaffidabile contro l’educazione sessuale a scuola

Secondo il leader della Lega, sette genitori su dieci si oppongono a questo insegnamento, ma i numeri citati non stanno in piedi
ANSA/ MASSIMO PERCOSSI
ANSA/ MASSIMO PERCOSSI
Il 30 maggio il leader della Lega Matteo Salvini ha pubblicato sui social un messaggio contro l’insegnamento dell’educazione sessuale nelle scuole elementari. «Parlare di sesso, di coito e penetrazione a bimbi delle scuole elementari? Dal 70 per cento di mamme e papà, me compreso, un secco NO», ha scritto il leader della Lega, pubblicando un’immagine con scritto: “Educazione sessuale nella scuola primaria, 7 genitori su 10 contrari”. La fonte del dato è Tecnica della scuola, una rivista e sito di settore dedicato al mondo dell’istruzione e della didattica.
Lo stesso dato è stato rilanciato sui social anche da Rossano Sasso, il sottosegretario della Lega al Ministero dell’Istruzione. «Le famiglie ci danno ragione: no al gender nelle scuole», ha scritto Sasso su Facebook. Un messaggio simile è stato pubblicato su Twitter anche dalla senatrice di Fratelli d’Italia Daniela Santanché, sempre con riferimento agli stessi dati usati dal leader della Lega e dal sottosegretario Sasso.  

Ma davvero sette genitori su dieci sono contro l’educazione sessuale in Italia? Il sondaggio citato da Salvini e dagli altri politici è poco affidabile e non ha alcuna valenza scientifica: riporta solo l’opinione di alcuni lettori.

I dati sono stati pubblicati da Tecnica della scuola il 30 maggio, senza però una chiara spiegazione della metodologia utilizzata. Alla domanda: “Educazione sessuale sin dalla scuola primaria: favorevole o contrario?”, attraverso un modulo di domande Google, ha risposto un campione di 649 genitori, un numero piuttosto basso per essere rappresentativo di tutta la popolazione italiana. Per esempio, non è possibile escludere il fatto che chi abbia risposto al sondaggio fossero i genitori di per sé più propensi a opporsi all’educazione sessuale nelle scuole. Al più, quello che il sondaggio mostra è che qualche centinaio di lettori di Tecnica della scuola ha partecipato a un sondaggio online e ha espresso in maggioranza la propria contrarietà all’insegnamento dell’educazione scolastica a scuola. Da questo non si evince che, su tutti i genitori in Italia, il 70 per cento sia contrario a questo insegnamento, come sostenuto da Salvini. 

La scarsa affidabilità del sondaggio è, in un certo senso, stata riconosciuta anche dalla stessa Tecnica della scuola, che ha fatto notare come un sondaggio uguale, condotto sul profilo Instagram ufficiale della rivista, ma basato solo su un centinaio di voti, ha raccolto una percentuale di risposte favorevoli all’educazione sessuale, pari al 71 per cento, esattamente l’opposto del dato visto in precedenza.
Pagella Politica

Sostieni Pagella

Aiutaci a realizzare il nostro progetto per una nuova informazione politica in Italia.
La politica senza chiacchiere
Unisciti a noi
Newsletter

il franco tiratore

Dal lunedì al venerdì alle 18
La newsletter quotidiana curata dal direttore Giovanni Zagni. Uno sguardo critico e affilato per concludere la giornata, un punto sui personaggi e gli eventi della politica italiana.

Ultimi articoli