indietro

È vero che il governo ha introdotto il prelievo forzoso dai conti correnti?

| 19 luglio 2023
La dichiarazione
«Nella delega fiscale il governo permette all’Agenzia delle Entrate e ai vari soggetti istituzionali di entrare nel conto corrente con il cosiddetto “prelievo forzoso” e portare via i soldi delle tasse o delle multe»
Fonte: | 18 luglio 2023
ANSA/ALESSANDRO DI MEO
ANSA/ALESSANDRO DI MEO
Verdetto sintetico
Al di là della semplificazione, la dichiarazione del leader di Italia Viva è supportata dai fatti.
In breve
  • L’espressione “prelievo forzoso”, come suggerisce il nome, fa riferimento alla possibilità da parte dello Stato di prelevare soldi dai conti correnti dei contribuenti contro la loro volontà. Nella storia recente della Repubblica italiana il prelievo forzoso più famoso è stato quello approvato nel 1992 dal governo tecnico di Giuliano Amato. TWEET
  • Nella riforma del fisco non c’è un prelievo forzoso di questo tipo. Il disegno di legge delega approvato dalla Camera, ora all’esame del Senato, stabilisce però che il governo avrà il potere di «potenziare» la riscossione anche attraverso «la razionalizzazione e l’automazione della procedura di pignoramento» dei conti correnti. TWEET
Il 18 luglio il leader di Italia Viva Matteo Renzi ha pubblicato un video su Instagram accusando il governo Meloni di aver introdotto il «prelievo forzoso dai conti correnti» nella riforma del fisco. Secondo l’ex presidente del Consiglio, il governo permetterà «all’Agenzia delle Entrate e ai vari soggetti istituzionali di entrare nel conto corrente» e di «portare via i soldi delle tasse o delle multe». Renzi ha anche annunciato che in Commissione Finanze del Senato, dove è al momento all’esame la riforma del fisco, presenterà un emendamento per cancellare questa misura.
È davvero così? Abbiamo verificato e, al di là della semplificazione, la dichiarazione di Renzi è supportata dai fatti.

Che cosa c’è nella riforma fiscale

L’espressione “prelievo forzoso”, come suggerisce il nome, fa riferimento alla possibilità da parte dello Stato di prelevare soldi dai conti correnti dei contribuenti contro la loro volontà. Nella storia recente della Repubblica italiana il prelievo forzoso più famoso è stato quello approvato a luglio 1992 dal governo tecnico di Giuliano Amato, che per salvaguardare i conti pubblici introdusse con un decreto-legge un’«imposta straordinaria» su tutti i conti correnti, con un prelievo pari al 6 per mille del valore depositato sui conti.

Il disegno di legge delega per la riforma fiscale, presentato a marzo in Parlamento dal governo Meloni, è stato approvato il 12 luglio dalla Camera. Ora il testo è all’esame del Senato. Ricordiamo che un disegno di legge delega traccia i principi generali entro cui il governo dovrà poi operare per riformare in concreto il fisco attraverso i decreti legislativi. Chiariamo subito che nella riforma del fisco del governo Meloni non c’è un provvedimento simile a quello approvato oltre trent’anni fa dal governo Amato. 

Con tutta probabilità, quando parla di «prelievo forzoso dai conti correnti», Renzi fa riferimento all’articolo 16 del disegno di legge delega, che stabilisce i principi che il governo dovrà seguire per la «revisione del sistema nazionale della riscossione». Tra le altre cose il governo avrà la possibilità di «potenziare l’attività di riscossione coattiva dell’agente della riscossione» – specifica la lettera d), punto 3 del comma 1 dell’articolo – attraverso «la razionalizzazione e l’automazione della procedura di pignoramento dei rapporti finanziari». In genere l’espressione “pignoramento” fa riferimento alla procedura con cui, su ordine di un giudice, viene disposta l’espropriazione forzata di un bene di un cittadino che ha un debito e non riesce a ripagarlo. Nel caso della riforma fiscale si sta parlando dei soldi sui conti correnti dei contribuenti che hanno pendenze con il fisco, per esempio per imposte non pagate. In audizione alla Camera la proposta è stata accolta con un giudizio positivo dall’Associazione bancaria italiana (Abi). 

Nella relazione tecnica che ha accompagnato il disegno di legge presentato in Parlamento, si legge che l’obiettivo di questa misura, insieme alle altre contenute nell’articolo 16, è quello snellire il procedimento di riscossione e di ridurne le tempistiche, favorendo così l’incasso anticipato dei crediti. «Ne potranno derivare, in termini finanziari, effettivi positivi, in via prudenziale non stimati», sottolinea però la relazione. 

Ribadiamo che al momento non c’è ancora nulla di operativo e che il pignoramento sarebbe comunque l’ultimo dei vari passaggi con cui lo Stato cerca di riscuotere quanto dovuto. Ora la riforma è all’esame del Senato, che con tutta probabilità modificherà il testo per poi rimandarlo alla Camera per l’approvazione definitiva. In seguito il governo Meloni avrà due anni di tempo per approvare i decreti legislativi e dettagliare come funzionerebbe un eventuale pignoramento automatico sui conti correnti dei contribuenti non in regola con il fisco.

Alla Camera il disegno di legge per la riforma del fisco è stato approvato, oltre che con i voti dei partiti al governo, anche con quelli del gruppo parlamentare di Italia Viva e Azione. Il 19 luglio, in un’intervista con Il Riformista, quotidiano diretto dallo stesso Renzi, il deputato di Italia Viva Luigi Marattin ha definito la misura del pignoramento automatico «indubbiamente severa, ma giusta». Lo stesso giorno Marattin ha commentato su Twitter la dichiarazione di Renzi, che presenterà un emendamento in Commissione Finanze del Senato per cancellare il pignoramento automatico, parlando di una «provocazione» al governo.

Il verdetto

Secondo Matteo Renzi, nella riforma del fisco il governo Meloni ha introdotto «il prelievo forzoso dai conti correnti» per chi non paga le tasse o le multe. Al di là della semplificazione, la dichiarazione del leader di Italia Viva è supportata dai fatti.

Nella riforma del fisco non c’è un prelievo forzoso come quello famoso approvato nel 1992 dal governo Amato. Ma il disegno di legge delega approvato dalla Camera, ora all’esame del Senato, stabilisce comunque che il governo avrà il potere di «potenziare» la riscossione coattiva anche attraverso «la razionalizzazione e l’automazione della procedura di pignoramento» dei conti correnti.

AIUTACI A CRESCERE NEL 2024

Siamo indipendenti: non riceviamo denaro da partiti né fondi pubblici dalle autorità italiane. Per questo il contributo di chi ci sostiene è importante. Sostieni il nostro lavoro: riceverai ogni giorno una newsletter con le notizie più importanti sulla politica italiana e avrai accesso a contenuti esclusivi, come le nostre guide sui temi del momento. Il primo mese di prova è gratuito.
Scopri che cosa ottieni
Newsletter

I Soldi dell’Europa

Il lunedì, ogni due settimane
Il lunedì, le cose da sapere sugli oltre 190 miliardi di euro che l’Unione europea darà all’Italia entro il 2026.

Ultimi fact-checking