indietro

Sì, l’Italia crescerà meno di Francia e Germania nel 2024

| 14 agosto 2023
La dichiarazione
«L’anno prossimo, ce lo dicono tutte le stime delle fonti internazionali più accreditate, cresceremo meno di Francia e Germania»
Fonte: In Onda – La7 | 11 agosto 2023
ANSA/ANGELO CARCONI
ANSA/ANGELO CARCONI
Verdetto sintetico
La dichiarazione del presidente del Movimento 5 Stelle è corretta.
In breve
  • Secondo le previsioni più aggiornate dell’Ocse, del Fondo monetario internazionale e della Commissione Ue, il prossimo anno il Pil tedesco e il Pil francese cresceranno di più del Pil italiano. Essendo previsioni, vanno comunque prese con la dovuta cautela. TWEET
L’11 agosto, ospite a In Onda su La7, il presidente del Movimento 5 Stelle Giuseppe Conte ha criticato (min. -46:14) la presidente del Consiglio Giorgia Meloni per essersi «vantata» nelle scorse settimane della crescita economica italiana. Secondo Conte, «tutte le stime delle fonti internazionali più accreditate» dicono infatti che nel 2024 l’economia italiana crescerà meno di quella di Francia e Germania.

Abbiamo controllato che cosa dicono i numeri di tre istituzioni internazionali e la dichiarazione del presidente del Movimento 5 Stelle è corretta.

Le previsioni di Ocse, Fmi e Commissione Ue

Secondo le stime più aggiornate dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (Ocse), pubblicate a inizio giugno, nel 2023 il Pil italiano crescerà dell’1,2 per cento rispetto all’anno scorso. Il Pil francese salirà dello 0,8 per cento, mentre quello tedesco rimarrà fermo (+0 per cento). Secondo Ocse, le cose cambieranno però nel 2024: il prossimo anno il Pil italiano è previsto crescere dell’1 per cento rispetto al 2023, percentuale più bassa di quelle francese e tedesca, con entrambe un +1,3 per cento. 

Percentuali simili sono contenute anche nelle previsioni pubblicate a luglio dal Fondo monetario internazionale (Fmi). Nel 2023 l’economia italiana crescerà dell’1,1 per cento, quella francese dello 0,8 per cento, mentre quella tedesca calerà dello 0,3 per cento. Nel 2024, invece, il Pil tedesco e il Pil francese aumenteranno dell’1,3 per cento, quello italiano dello 0,9 per cento. 

Infine vediamo che cosa dicono le stime più aggiornate della Commissione europea. Secondo le previsioni di primavera, uscite a maggio, l’Italia registrerà un +1,2 per cento nel 2023 e un +1,1 per cento nel 2024, la Francia un +0,7 per cento e un +1,4 per cento, la Germania un +0,2 per cento e un +1,4 per cento.

Ricordiamo che stiamo parlando di stime future e che per questo vanno prese con la dovuta cautela. Dopo una crescita nei primi tre mesi di quest’anno, il Pil italiano sta comunque segnando un calo. Secondo le stime preliminari di Istat, nel secondo trimestre del 2023 il Pil italiano è calato dello 0,3 per cento rispetto ai tre mesi precedenti, quello francese è cresciuto dello 0,5 per cento, quello tedesco è rimasto stabile.

Il verdetto

Secondo Giuseppe Conte, «tutte le stime delle fonti internazionali più accreditate» dicono che nel 2024 le economie di Francia e Germania cresceranno più di quella italiana. Abbiamo controllato e la dichiarazione del presidente del Movimento 5 Stelle è corretta.

Secondo le previsioni più aggiornate dell’Ocse, del Fondo monetario internazionale e della Commissione Ue, il prossimo anno il Pil tedesco e il Pil francese cresceranno di più del Pil italiano. Essendo previsioni, vanno comunque prese con la dovuta cautela.

AIUTACI A CRESCERE NEL 2024

Siamo indipendenti: non riceviamo denaro da partiti né fondi pubblici dalle autorità italiane. Per questo il contributo di chi ci sostiene è importante. Sostieni il nostro lavoro: riceverai ogni giorno una newsletter con le notizie più importanti sulla politica italiana e avrai accesso a contenuti esclusivi, come le nostre guide sui temi del momento. Il primo mese di prova è gratuito.
Scopri che cosa ottieni
Newsletter

I Soldi dell’Europa

Il lunedì, ogni due settimane
Il lunedì, le cose da sapere sugli oltre 190 miliardi di euro che l’Unione europea darà all’Italia entro il 2026.

Ultimi fact-checking