Pubblicato: giovedì 1 gennaio 1970
Photo: Janine su Flickr
Salvini, l'UE e il divieto di spalmare la Nutella

Matteo Salvini nuovamente all'attacco dell'Unione europea. Con la bizzarra accusa di voler bandire i tostapane, Matteo Salvini ha quasi vinto la Panzana dell'Anno 2014. In un tweet pubblicato il 1° aprile alle 8:54 con l'abituale verve, Salvini esorta l'Italia a uscire "fuoridaquestagabbia" a causa di una nuova normativa particolarmente invadente. L'Ue vorrebbe "proibire la Nutella sui toast". Increduli, siamo andati a investigare.

Il pesce fuor d'acqua

Matteo Salvini è deputato del Parlamento di quella stessa Unione europea che definisce gabbia. Ed è proprio quel Parlamento che sta considerando una proposta di legge sull'igiene alimentare (la 2015/0104) che al comma 27 dell'articolo 01/04 propone:

"il divieto di spalmazione, spalmimento e spalmificaggio di prodotti a base gianduia su prodotti che sono stati all'interno di un tostapane"

Un divieto che sembra proprio far ricadere la Nutella nella lista di prodotti banditi. Com'è possibile che sia successa una cosa del genere?

Aprile dolce dormire

Abbiamo raggiunto il correlatore della legge, l'eurodeputata irlandese April O'Fool. Ms O'Fool ha ammesso che si tratta di una svista. L'intenzione era quella di evitare che prodotti a base di olio di gianduia (usati nella meccanica) finissero in ambienti contigui a quelli in cui avviene la preparazione di prodotti alimentari. A quanto pare, questo fenomeno ha raggiunto proporzioni incontrollabili in Irlanda, in Estonia e nell'isola di Gozo a Malta. Ms O'Fool ha già presentato un emendamento volto a includere una lista di eccezioni alla legge, all'interno del quale non mancherà la nostra beneamata Nutella.

Il verdetto

Non sappiamo bene che verdetto dare a questa dichiarazione dal momento che Salvini avrebbe ragione, se solo quel tweet fosse vero e non fabbricato su http://www.lemmetweetthatforyou.com/ e se solo oggi non fosse il 1° di aprile (quando anche i fact-checkers si lasciano andare). Attenti alle bufale, amici lettori!

Logo
Logo
Logo
Logo