Pubblicato: giovedì 2 maggio 2019
Photo: Ansa - Roberto Saviano, scrittore e giornalista
Salvini sbaglia e Saviano ha ragione su sbarchi e morti in mare

Il 28 aprile in un post pubblicato sulla propria pagina Facebook, Matteo Salvini ha scritto: «Nessuna nave Ong davanti alla Libia, nessuna partenza, nessuno sbarco, nessun morto. Che coincidenza...». Sotto il messaggio, il ministro dell'Interno ha pubblicato una mappa del Mar Mediterraneo che mostra che nessuna nave Ong si trova nell’area Sar (Search and Rescue) della Libia.

È intervenuto sulla vicenda lo scrittore e giornalista Roberto Saviano che, sempre su Facebook, ha dichiarato che quanto scritto dal vicepremier è «ingannevole e disonesto». Infatti, come ha aggiunto, «si riferisce alla situazione registrata alle 7.30 del 28 aprile. Solo a quel determinato istante. Ma che non ci fossero barconi in mare, morti o sbarchi in quel momento non significa che non ce ne siano stati il giorno prima o un secondo dopo».

Saviano elenca quindi diversi dati che dimostrerebbero la sua tesi, sostenendo che provengono dal Ministero dell’Interno: «Migranti arrivati in Italia dal 1.01.2019 al 21.04.2019: 647 (quindi non “nessuno sbarco”, Salvini). Migranti morti o dispersi nel Mediterraneo centrale (rotta Libia-Italia) dal 1.01.2019 al 21.04.2019: 255 (quindi non “nessun morto”, Salvini)».

I dati citati da Saviano sono corretti. L’immagine e il messaggio di Salvini sono invece una semplificazione fuorviante.

Continua a leggere sulla Pagella Politica di Agi

Logo
Logo
Logo
Logo