Viminale in allarme: “in arrivo un esercito di 250mila clandestini”. Una vecchia ipotesi non verificatasi
Pubblicato: giovedì 29 marzo 2018

Lo scorso 22 marzo, streamingneuws.com ha pubblicato un articolo dal titolo “Allarme del Viminale, in arrivo un esercito di 250mila clandestini. Meloni: 'Blocchi navali subito!'”. Nel testo si legge che In Italia sarebbe “in arrivo un esercito di 250mila clandestini dalla Libia”. Il pezzo scrive che si tratterebbe della “previsione del governo italiano che circola tra i ministri e coinvolge soprattutto il dicastero di Marco Minniti che dovrà occuparsi dell’accoglienza di un nuovo fiume di disperati”. Vengono poi inserite le parole di Giorgia Meloni, leader di Fratelli d'Italia, e di Roberto Calderoli della Lega come commento.

Si tratta di una vecchia notizia – con nessun elemento in chiaro specificato per far capire al lettore la data reale del fatto raccontato – e che riportava stime che poi non si sono realizzate. Streamingneuws.com, inoltre, riprende letteralmente un articolo pubblicato il 15 marzo 2017 dal Secoloditalia.it.

Passiamo alla notizia. A metà marzo del 2017, i media parlarono di previsioni e di stime di arrivi di migranti sulle coste italiane (qui, qui e qui) che avevano messo in allarme il Viminale. Scrisse ad esempio il Sole 24 Ore:“Il ministro dell'Interno, Marco Minniti, ha messo in mobilitazione i suoi uffici. Le previsioni si sprecano, sono fin troppo facili: con l'andamento attuale, a fine 2017 si sfonda il tetto dei 200mila sbarchi, si può arrivare anche a 250mila”.

Le dichiarazioni di commento di Giorgia Meloni e Roberto Calderoli si riferiscono a questa notizia e infatti furono pronunciate nella metà di marzo del 2017, come si può vedere qui e qui.

Ma la previsione di 200/250mila sbarchi, che si riferiva al 2017, non si è verificata. Lo scorso anno, infatti, ci sono stati 119mila arrivi, in base ai dati del Ministero dell'Interno. Un numero inferiore rispetto agli scorsi anni: nel 2014 furono 170 mila, nel 2015, 153 mila e nel 2016, 181 mila.

Logo
Logo
Logo
Logo