La storia inventata del ristorante cannibale di Los Angeles frequentato da celebrità
Pubblicato: mercoledì 21 febbraio 2018


Aggiornamento, 22 febbraio 2018: nello stesso giorno di pubblicazione di questo articolo, Vocidallastrada.blog ha aggiornato il suo pezzo indicando che la notizia potrebbe essere falsa.


Lo scorso 16 febbraio il sito Vocidallastrada.blog ha pubblicato un articolo dal titolo “USA: Cannibal Club, il ristorante per cannibali e i suoi membri più famosi”. Nel pezzo si legge che personaggi famosi come Katy Perry, Meryl Streep, Anderson Cooper e Chelsea Clinton hanno una cosa in comune: aver “mangiato carne umana nel famigerato ristorante cannibale di Los Angeles, il Cannibal Club”. Un lista di celebrità emersa dopo la pubblicazione di una “documento del Cannibal trapelato”.


Si tratta di una notizia inventata e senza alcun riscontro. L'articolo che si può leggere su vocidallastrada.blog è la traduzione letterale di un pezzo pubblicato lo scorso 10 gennaio da yournewswire.com, un sito descritto da più parti come propalatore di false notizie. Nelle stesse info del sito si legge che non vengono garantite affidabilità e accuratezza delle informazioni diffuse.


Snopes, sito specializzato nel fact-checking, ha chiarito che “il Cannibal Club, il ristorante a Los Angeles che serve carne umana di fatto non esiste. Yournewswire ha basato il proprio articolo su due componenti: la prima è l’esistenza di un sito fake ‘Cannibal Club’, che è online dal 2009”. Le foto presenti nella sezione Staff, ad esempio, provengono tutte da siti di archivi fotografici. La seconda componente è un documento 'trapelato' in cui presumibilmente si elencano come membri Streep, Clinton e Perry”.


Si tratta però di un documento (molto scarno, in cui compaiono solo un'immagine e una breve lista di nomi) caricato su Scribd, su cui, spiega ancora Snopes, non ci sono prove che provenga effettivamente da un 'Cannibal Club' di Los Angeles: “piuttosto, è stato probabilmente creato utilizzando un software di editing digitale”.

Logo
Logo
Logo
Logo