Luca Zaia

Quali sono le regioni che hanno fatto più tamponi

«Ho il record della regione che fa più tamponi in Italia: ad oggi 22,5 milioni»

Pubblicato: 10 gen 2022
Data origine: 09 gen 2022
Macroarea questioni sociali

Il 9 gennaio, in un’intervista con la Repubblica, il presidente della Regione Veneto Luca Zaia (Lega) ha chiesto al governo, tra le altre cose, di rimandare la riapertura delle scuole, a causa del forte aumento dei contagi di coronavirus. Zaia ha inoltre voluto celebrare un «record» della sua regione: quello di aver fatto più tamponi di tutti, «ad oggi 22,5 milioni».

Abbiamo verificato e il presidente della Regione Veneto ha quasi ragione.

Il Veneto è dietro alla Lombardia

Dall’inizio della pandemia all’8 gennaio 2022, secondo i dati della Protezione civile, il Veneto ha effettuato circa 20,4 milioni di test per la Covid-19, un numero un po’ più basso di quello indicato da Zaia. Tra questi, oltre 8,4 milioni sono tamponi molecolari e circa 12 milioni sono test antigenici (anche chiamati “test rapidi”).

In valori assoluti, soltanto una regione ha fatto più tamponi del Veneto. Dall’inizio della pandemia all’8 gennaio 2022, la Lombardia ha effettuato più di 26,2 milioni di test: oltre 13 milioni di tamponi molecolari e circa 13 milioni di test antigenici.

Dopo Lombardia e Veneto troviamo il Lazio (13,6 milioni), l’Emilia-Romagna (oltre 12 milioni), il Piemonte (quasi 12 milioni) e la Campania (oltre 10 milioni), mentre la regione che ha fatto meno test di tutti è stata finora la Valle d’Aosta (poco più di 124 mila) (Grafico 1).

Grafico 1. Numero di tamponi eseguiti all’8 gennaio 2022 da ciascuna regione – Fonte: Ministero della Salute, elaborazione dati Pagella Politica

I dati sul rapporto con la popolazione

Pur avendo la quarta popolazione più numerosa tra le regioni italiane, il Veneto è secondo per numero assoluto di tamponi fatti, dietro soltanto alla Lombardia, che ha quasi il doppio dei suoi abitanti (circa 10 milioni contro circa 4,9 milioni).

Da inizio pandemia il Veneto ha fatto in media 4,2 test ogni abitante, ma anche nella classifica in rapporto alla popolazione si posiziona al secondo posto, dietro la provincia autonoma di Bolzano, con 5,8 test per abitante. Al terzo posto c’è il Friuli-Venezia Giulia (3,9 test per abitante), seguito dalla provincia autonoma di Trento (3,6), mentre la Lombardia è ottava (2,6).

In generale, se si considerano la provincia autonoma di Trento e quella di Bolzano come un’unica regione, il Trentino-Alto Adige è la prima fra tutte le regioni italiane, con 4,7 tamponi per abitante effettuati, mentre quella che ne ha fatti di meno è la Calabria (0,9) (Grafico 2).

Ricordiamo che il numero di test effettuati, tra le altre cose, è dipeso da un lato dalle strategie di testing adottate (per esempio, testare di più o di meno i contatti stretti dei positivi, anche asintomatici), dall’altro lato dalla circolazione del virus (le regioni più colpite dalla pandemia hanno dovuto fare anche più tamponi per accertare i contagi).

Grafico 2. Numero di tamponi per abitante all’8 gennaio 2022 – Fonte: Ministero della Salute, elaborazione dati Pagella Politica

Il trend delle ultime settimane

Anche considerando la nuova ondata di contagi, tra il 25 dicembre e l’8 gennaio il Veneto è stata comunque una delle prime regioni in Italia per numero di tamponi effettuati, nonostante le festività natalizie.

In questo periodo il Veneto ha eseguito più di 1,4 milioni di test, superato ancora una volta solo dalla Lombardia, che con il doppio degli abitanti ha effettuato quasi 2,2 milioni di test.

Dopo Lombardia e Veneto, nelle ultime due settimane, le regioni che hanno fatto più tamponi in termini assoluti sono stati la Campania (più di 12,5 milioni), il Lazio (più di 11,5 milioni) e la Puglia (circa 840 mila), mentre quella con il minor numero di test eseguiti è stato il Molise (circa 16.400).

In base ai dati in rapporto alla popolazione, il Veneto si posiziona in seconda posizione, con 0,29 test per abitante, al pari di Umbria e Valle d’Aosta. Al primo posto c’è la provincia autonoma di Trento, con 0,31 test per abitante.

Il verdetto

Secondo Luca Zaia, con 22,5 milioni di test fatti da inizio pandemia, la Regione Veneto ha il «record» tra le regioni italiane.

Abbiamo verificato e il presidente della Regione Veneto ha quasi ragione. All’8 gennaio il Veneto ha eseguito circa 20,4 milioni di tamponi, dietro soltanto alla Lombardia.

Il Veneto si piazza al secondo posto anche guardando ai dati dei tamponi fatti in rapporto alla popolazione, dietro soltanto alla provincia autonoma di Bolzano.

In conclusione Zaia si merita un “C’eri quasi”.

Logo
Logo