Donatella Tesei

No, l’Umbria non è la regione con «più anziani» d’Italia

«Noi [in Umbria] siamo la regione con più anziani in Italia»

Pubblicato: 19 mag 2021
Data origine: 19 mag 2021
Macroarea

Il 19 maggio, in un’intervista con La Repubblica, la presidente dell’Umbria Donatella Tesei (Lega) ha risposto alle accuse secondo cui la sua regione sarebbe l’ultima per le vaccinazioni ai cittadini tra i 60 e i 69 anni.

Tesei ha affermato che l’Umbria è la regione italiana «con più anziani», affermando, più avanti nell’intervista, che questi rappresentano il «22 per cento della popolazione». Per questo motivo, secondo Tesei, prima di arrivare ai sessantenni è stato necessario immunizzare un’ampia fetta di over-80 e over-70, che sono quelli maggiormente a rischio.

Abbiamo verificato che cosa dicono i numeri e Tesei sbaglia: l’Umbria non è la regione italiana con più anziani.

Il podio delle regioni più anziane d’Italia

Il termine “anziano” è di per sé piuttosto vago. L’Istat include generalmente in questa categoria le persone con più di 65 anni, ma nell’intervista Tesei sembra riferirsi alla fascia d’età dai 70 anni in su. Nella nostra analisi abbiamo preso in considerazione entrambe le due opzioni.

Esistono diversi parametri che possiamo utilizzare per decidere quale sia la regione «con più anziani in Italia». Il primo è, prevedibilmente, il numero totale di persone over 65 o over 70 che risiedono nelle 20 regioni.

Partiamo dagli over 65. In base ai dati Istat, la Lombardia è la regione con più over 65 in termini assoluti (2,2 milioni), mentre l’ultima è la Valle d’Aosta (30 mila). In questa classifica l’Umbria è diciassettesima con circa 226 mila residenti di età superiore ai 65 anni. Per gli over 70, che in Umbria sono circa 174 mila, la regione acquista una posizione e diventa sedicesima.

Il dato in valore assoluto, però, non è particolarmente rilevante: le regioni hanno popolazioni molto diverse (la Lombardia è infatti la più popolosa e la Valle d’Aosta la più piccola, mentre l’Umbria è diciassettesima) e il numero assoluto di anziani non ci dice molto. Un indicatore migliore consiste quindi nel rapporto tra la popolazione totale e il numero di anziani.

Da questo punto di vista la regione al primo posto per numero di over 65 in rapporto alla popolazione complessiva è la Liguria, con una percentuale del 28,8 per cento. Segue il Friuli-Venezia Giulia (26,7 per cento) e poi, al terzo posto, l’Umbria, con il 26,2 per cento di cittadini over 65. All’ultimo posto si posiziona la Campania, dove solo il 19,7 per cento della popolazione ha più di 65 anni.

L’ordine non cambia se guardiamo ai dati relativi agli over 70. La Liguria rimane prima (22,4 per cento), seguita da Friuli-Venezia Giulia (20,5 per cento) e Umbria (20,1 per cento). All’ultimo posto sempre la Campania, dove gli ultrasettantenni costituiscono il 14,1 per cento della popolazione (Grafico 1).

Made with Flourish

Grafico 1: percentuale di poplazione over-70 nelle regioni italiane, dati Istat 2021

La percentuale del «22 per cento» di anziani in Umbria citata da Tesei non trova riscontro nei nostri calcoli, anche se non se ne discosta molto rispetto al dato degli over 70, ma rimaniamo disponibili a ricevere ulteriori precisazioni in merito.

– Leggi anche: Ha ragione De Luca: alla giovane Campania vanno meno soldi di tutti per la sanità

Che cosa dice l’indice di vecchiaia

Un terzo indicatore che possiamo considerare è l’indice di vecchiaia, che l’Istat definisce come il «rapporto tra la popolazione di 65 anni e oltre e la popolazione di età 0-14 anni», moltiplicato per 100. Questo indice misura quindi il numero di over 65 presenti in una popolazione ogni 100 persone tra gli 0 e i 14 anni.

Qui al primo posto troviamo sempre la Liguria, con un indice di vecchiaia del 265,2 per cento. Seguono il Molise, la Sardegna, il Friuli Venezia-Giulia e, al quinto posto, l’Umbria, con un indice di 217,7 punti percentuali per il 2021 (Grafico 2).

Made with Flourish

Grafico 2: Indice di vecchiaia, dati Istat 2021

Ricapitolando: l’Umbria non è la regione italiana con più anziani né se si guarda agli over 65 né agli over 70 né in base all’indice di vecchiaia. Nel criterio che sembra più sensato guardare, cioè quello del rapporto tra over 70 e popolazione, l’Umbria arriva comunque sul podio.

Il verdetto

Secondo Donatella Tesei (Lega), la Regione Umbria – da lei amministrata – è quella «con più anziani in Italia».

Abbiamo verificato e la governatrice esagera. Secondo Istat, la regione con il maggior numero di anziani rispetto alla sua popolazione è la Liguria, dove il 28,8 per cento dei cittadini sono over 65 e il 22,4 per cento ha più di settant’anni. In entrambi i casi, al secondo posto c’è il Friuli Venezia-Giulia e al terzo posto l’Umbria di Tesei.

In base al rapporto tra popolazione anziana e quella più giovane, l’Umbria scende invece in sesta posizione.

In conclusione, la governatrice si merita un “Nì”.

Logo
Logo