Beatrice Lorenzin

"L'Italia spende il 7% del proprio Pil per la spesa sanitaria, a fronte del 9-10% di Francia, Germania, Inghilterra e il 19% degli Stai Uniti".

Pubblicato: 19 feb 2015
Data origine: 26 set 2014
Macroarea questioni sociali

Il ministro Lorenzin arrotonda qualche percentuale sulla spesa sanitaria, anche se non sbaglia le proporzioni del confronto.

Il Rapporto Oasi 2014 del Centro di Ricerche sulla Gestione dell'Assistenza Sanitaria e Sociale (il rapporto è scaricabile qui previa registrazione gratuita), che ogni anno pubblica una panoramica del sistema sanitario e socio sanitario italiano, evidenzia che la spesa sanitaria nel 2012 è stata pari al 9,2% del Pil (tabella 2.3 del capitolo 2). Francia e Germania si aggirano intorno all'11% (11,8 e 11,3%), mentre la Gran Bretagna è vicina all'Italia con 9,4%. Gli Stati Uniti viaggiano su percentuali decisamente maggiori, circa un punto meno rispetto a quanto affermato da Lorenzin (17,9%). I dati tratti dal Who trovano riscontro anche nelle statistiche Oecd.

Fonte WHO 2014

Il ministro sembra sottostimare il dato italiano di un paio di punti percentuali, anche se quel 7% viene citato da Istat nel rapporto Health for All come dato provvisorio (se si scarica però la versione di Health for All aggiornata a gennaio 2015 il dato è di 9,9% per il 2011, ultimo anno disponibile). Il confronto con gli altri Paesi è sostanzialmente corretto anche se la percentuale del Regno Unito è pari al nostro Paese e non allineato a Francia e Germania. "C'eri quasi"!

Logo
Logo
Logo
Logo