Mario Monti

"Il debito dell'Italia, che è del 120 per cento del Pil, è cresciuto meno rispetto alla media europea durante la crisi".

Pubblicato: 19 nov 2012
Data origine: 12 nov 2012
Macroarea economia

Difficile che Monti sbagli un dato così basilare sullo stato di salute dell'economia italiana. E infatti, secondo dati Eurostat, dall'inizio della crisi ad oggi il rapporto debito/Pil italiano è passato dal 106,1% del 2008 al 120,7% del 2011 (+14,6 punti), di fronte ad un aumento di 20,2 punti per l'Ue a 25, +20,3 per l'Ue a 27, +17,1 per l'Eurozona a 17 e 17,2 per l'Eurozona a 16. Insomma, qualunque dato si voglia utilizzare, il rapporto debito/Pil in Italia, nonostante abbia registrato un incremento sensibile, è aumentato meno della media.

Ma siccome ormai siamo quasi a fine 2012, siamo andati a vedere anche le stime del rapporto debito/Pil fornite dal World Economic Outlook del Fmi ad ottobre 2012. Secondo il Fondo, il debito/Pil italiano passerà dal 105,7% del 2008 al 126,3% nel 2012 (+20,6), mentre la media per l'Eurozona e l'Unione europea sarà pari al 93,6% (+23,4 dal 2008) e 87,2% (+23,2) rispettivamente. Quindi la dichiarazione del Presidente del Consiglio regge, anche se quel "120 per cento" rimane un dato 2011, non 2012. Un "Vero" ma non un "Verissimo", insomma.

Logo
Logo
Logo
Logo