Matteo Salvini

"Guarda caso le uniche economie europee che stanno crescendo in questo momento sono quelle che hanno avuto la forza e la fortuna di mantenere la loro moneta".

Pubblicato: 19 set 2014
Data origine: 07 set 2014
Macroarea esteri

Tra le economie in crescita e quelle in crisi in Europa, c'è l'euro a fare la differenza. E' quanto afferma Matteo Salvini, che sembra essere molto sicuro di sè. Secondo lui, infatti, solo le nazioni che non hanno accettato di aderire alla moneta unica stanno continuando a crescere. Sarà vero?

Gli ultimissimi dati Eurostat sul tasso di crescita dei Paesi europei nel secondo trimestre del 2014, rilasciati proprio due giorni prima della dichiarazioni di Salvini, sembrano contraddire le parole del segretario della Lega Nord. Registrano infatti segno positivo quasi tutti i Paesi per i quali i dati sono disponibili; fanno eccezione soltanto Romania e Danimarca - entrambe fuori dall'area euro - e Italia, Germania e Cipro, appartenenti all'Eurozona. In testa al gruppo troviamo Malta, Slovenia e Lettonia tutte e tre nazioni dell'area euro.

Anche allargando il confronto ad un periodo di tempo più lungo - prendendo i dati dal 2000 al 2013 (Fonte: Eurostat) - risulta che l'economia che è cresciuta di più in assoluto è la Lituania (non-area euro), mentre il secondo, terzo e quarto posto sono occupati da Paesi dell'Eurolandia, quali Slovacchia, Lettonia ed Estonia (per quanto in questi tre Paesi l'euro sia stato introdotto molto più tardi, hanno ancorato la loro valuta all'interno di una banda di fluttuazione rispetto all'euro da circa un decennio: 2004 per l'Estonia, 2005 per Slovacchia e Lettonia). Seguono Lussemburgo ed Irlanda, cresciute di più di Regno Unito e Ungheria. Infine tutte le economie dell'Eurozona - tranne Grecia, Portogallo e Italia - sono cresciute più della Danimarca, che l'euro non l'ha mai adottato. Insomma, pare proprio che Salvini abbia preso un abbaglio e una "Panzana pazzesca" da Pagella Politica.

53886af44b875_pileuroextraeuro.png

Logo
Logo
Logo
Logo