Stefania Giannini

"L'Istat ci ha dato una media per l'anno scorso (2013) di meno 500 mila di unità di occupati, quindi -2% in assoluto, e la riduzione è drammaticamente più forte nelle regioni meridionali".

Pubblicato: 30 lug 2014
Data origine: 20 giu 2014
Macroarea economia

Alla cerimonia di laurea dei dottori di ricerca dell'Università di Bologna il ministro dell'Istruzione Stefania Giannini non dipinge un quadro del mercato del lavoro particolarmente rassicurante per i neo-dottori.

I dati Istat confermano, ahinoi, quanto detto da Giannini. Il totale degli occupati è passato da 22.899 mila nel 2012 a 22.420 nel 2013, una riduzione pari a 479 mila occupati in meno, ovvero -2,1%. Oltre la metà di questa riduzione in valori assoluti è concentrata nel Mezzogiorno d'Italia, la cui occupazione passa da 6.180 mila unità a 5.899 in un anno. La diminuzione nelle regioni meridionali è quindi più di quattro volte di quella registrata al Nord in termini percentuali (-4,5% vs -1,1%).

I dati riportati sono tristi ma corretti: "Vero" per Giannini.

*nel menu a sinistra selezionare "occupati" e "occupati - livello ripartizionale"

Logo
Logo
Logo
Logo