Renato Brunetta

"Il giovane Renzi, riesce a condurre in porto [...] l’approvazione dell’Italicum alla Camera dei deputati, con i voti determinanti di Forza Italia".

Pubblicato: 06 apr 2014
Data origine: 03 apr 2014
Macroarea istituzioni

Questa dichiarazione di Brunetta riprende un suo stesso discorso già analizzato da Pagella Politica, in cui il capogruppo alla Camera di Forza Italia sosteneva che l'Italicum fosse passato per 20-40 voti.

Per verificare quanto detto da Brunetta bisogna però aggiungere un ulteriore dettaglio, ossia controllare se i voti di Forza Italia siano stati determinanti o meno, e quindi se una loro mancata presenza avrebbe fatto fallire l'atto alla Camera. Iniziamo dal voto finale sull'Italicum alla Camera in cui il testo è passato con 365 pro, 156 contro e 40 astenuti. Quel giorno, il gruppo di Forza Italia alla Camera ha votato quasi interamente compatto, con 59 voti a favore su 68 disponibili. Senza quei 59 l'atto avrebbe ricevuto 306 voti a favore (la soglia di maggioranza richiesta era di 261 voti), abbastanza per battere l'opposizione, ferma comunque a 156 o, possibilmente, a 215 con l'aggiunta di Forza Italia.

Difficile verificare le altre votazioni chiave che riguardavano emendamenti particolarmente importanti, visto che sono stati tutti discussi e votati con il voto segreto, togliendoci la possibilità di indagare sulla reale importanza del sostegno - o meno - di Forza Italia.

Basandoci sui dati disponibili, e sull'unica vera votazione che conta (quella finale), Pagella Politica assegna una "Panzana pazzesca" a Brunetta.

Logo
Logo
Logo
Logo