Silvio Berlusconi

"Il decreto legge non è un potere del governo, è un potere del Presidente della Repubblica [...] Il disegno di legge è l'unico strumento che ha un governo per intervenire". (00:20)

Pubblicato: 03 ott 2012
Data origine: 30 ago 2012
Macroarea istituzioni

A chi ha sostenuto l'esame di diritto costituzionale questa dichiarazione farà accaponare la pelle, pensando a come vi avrebbe reagito il professore. È proprio il contrario: il decreto legge è un potere del Governo, non del Presidente della Repubblica.

 La Costituzione (Art. 76-77) stabilisce che Il Governo può esercitare in due casi eccezionali la funzione legislativa, che normalmente è la funzione del Parlamento. Il primo caso è quello del decreto delegato: il Parlamento conferisce al Governo - con un'apposita legge di delega, secondo principi e criteri predeterminati e per un tempo definito - il compito di provvedere ad adottare decreti legislativi aventi forza di legge. Nel secondo caso, il Governo può anche adottare, in forma autonoma e sotto la propria responsabilità, decreti legge per fronteggiare situazioni impreviste e che richiedono un intervento legislativo immediato. Dunque il decreto, al contrario di quanto affermato da Berlusconi, è un potere del governo e non rientra tra i poteri del Presidente della Repubblica.

In via ordinaria il Governo può altresì emanare regolamenti (Legge n. 400 del 1998) per dare attuazione e integrare le disposizioni legislative, può disciplinare l’organizzazione delle pubbliche amministrazioni e può regolare materie che la Costituzione non riserva in via esclusiva alla legge.

A ciò bisogna aggiungere che Berlusconi usa in modo improprio la parola “disegno di legge” che non è totalmente distinta dai casi presentati sopra. Infatti, nel caso del decreto legge, il Governo presenta alle Camere un disegno di legge in cui allega il decreto stesso e nel caso del decreto delegato presenta alle Camere un disegno di legge delega. Detto questo, il nostro giudizio non può che essere "Panzana pazzesca"!

Logo
Logo
Logo
Logo