No, i soldi in busta agli sposi non diventano reato


Pubblicato il: venerdì 8 giugno 2018

Il 7 giugno il sito Sky new (da non confondere con Sky Tg24) ha pubblicato un articolo dal titolo “Regalare soldi in busta agli sposi diventa reato”.

Nel testo si legge che il decreto “Buste ai matrimoni” sarebbe stato approvato dal voto congiunto dei partiti di maggioranza ed opposizione. Il provvedimento prevederebbe che, a partire dal 2018, sarà possibile donare somme in denaro agli sposi in busta "fino ad un massimo di 85 euro ad invitato. Superato l’importo di 85 euro, verrà applicata una ritenuta di legge del 15%”.

Gli eventuali trasgressori, secondo l'articolo, andrebbero incontro a sanzioni salate, dai mille ai quindicimila euro.

Si tratta di una notizia inventata, che non trova riscontro in nessun atto del governo e del Parlamento italiano (né nella XVII legislatura né in quella attuale, la XVIII), e in nessun articolo di giornale nazionale e locale.

Sky new ha ripreso un articolo (senza citarlo) pubblicato il 31 ottobre 2017 dal sito Tg24ore (la testata non è più online: qui la sua copia cache), che nelle proprio info si richiama esplicitamente alla satira con una frase di Dario Fo («Un popolo senza satira e senza senso dell'ironia è un popolo morto»).


comments powered by Disqus